Dona Adesso

“Bioetica, questione ambientale ed ecologia umana”: per comprendere le urgenze della società odierna

Il corso estivo, giunto alla sua 14° edizione, si svolgerà presso l’Ateneo Regina Apostolorum dal 30 giugno al 10 luglio

Giunto alla sua 14º edizione, il Corso Estivo Internazionale di Aggiornamento in Bioetica quest’anno verterà su Bioetica, questione ambientale ed ecologia umana, un tema di grande attualità da  conoscere ed approfondire in occasione dell’uscita dell’enciclica di papa Francesco.

Il corso è organizzato dalla Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) insieme alla Facoltà di Bioetica dell’Università Anáhuac Norte, con la collaborazione del CESAB (Centro Ricerche Scienze Ambientali e Biotecnologie), della Cattedra UNESCO di Bioetica e Diritti Umani e dell’Istituto di Scienza e Fede ed  avrà luogo presso l’APRA, in via degli Aldobrandeschi 190, a Roma dal 30 giugno al 10 luglio 2015.

La metodologia prescelta, per la trattazione della questione ambientale, è  interdisciplinare. Questo tipo di approccio consentirà di affrontare  questioni importanti come: l’inquinamento, la gestione delle risorse, la questione energetica, il cambiamento climatico, la biodiversità, le biotecnologie vegetali e il trattamento sugli animali da un  punto di vista scientifico pur mantenendo una coerenza filosofica e teologica.

Il corso diviso in due moduli è rivolto ad un vasto pubblico: medici, operatori sanitari, esperti nel campo delle biotecnologie, insegnanti di scienze, ecologisti, botanici , responsabili di uffici di enti internazionali, imprenditori, ingegneri, architetti, giuristi ma anche  sacerdoti e religiosi. Mantenendo fede alla vocazione internazionale dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, il corso sarà proposto in lingua italiana e inglese, con traduzione simultanea in italiano, inglese e spagnolo.

Per qualsiasi informazione è possibile visitare il sito: www.uprait.org oppure scrivere all’indirizzo:  info.bioetica@upra.org.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione