Dona Adesso

Betania, “al di là del Giordano”, patrimonio dell’Unesco

Il luogo del battesimo di Gesù, a 10 km dal Mar Morto, è stato per secoli un giallo storico

Nella lista dei Patrimoni mondiali dell’Unesco da oggi figura anche Betania, il luogo dove fu battezzato Gesù. A meno di dieci chilometri dal Mar Morto, il sito della misteriosa manifestazione che aprì la vita pubblica del predicatore di Nazaret è stato per secoli un giallo storico. I vangeli sono concordi nell’indicare il fiume Giordano ma si fermano a questa informazione generica. L’unico a precisarlo è quello di Giovanni, che parla di una “Betania al di là del Giordano”.
 
L’altra Betania, patria di Lazzaro e delle sue sorelle Marta e Maria, si trova invece nei pressi di Gerusalemme, non vicino al fiume. Già nel III secolo tuttavia – come ricorda L’Osservatore Romano – nei pressi del Giordano nessun luogo si chiamava così, tanto che Origene si convinse di un errore nella trasmissione del testo evangelico e propose di correggerlo sostituendo a Betania il nome di Bethabara, “dove si afferma che Giovanni battezzava”. Una variante, questa, che si legge in diversi manoscritti evangelici, mentre lo stesso toponimo figura in uno splendido mosaico del VI secolo scoperto nel 1897 a Madaba (ora in Giordania), con la spiegazione in greco che si tratta del “luogo del battesimo di san Giovanni”, di fronte ad “Ainon dove ora è Sapsafas”, sulla sponda orientale del fiume.
 
Intorno alla fine del III secolo sono iniziati i pellegrinaggi sulle sponde del Giordano a pochi chilometri a nord del Mar Morto: qui si riteneva che Gesù fosse stato battezzato da Giovanni, non a caso lo stesso luogo dove la tradizione collocava la misteriosa salita in cielo di Elia. Da allora le testimonianze letterarie e monumentali si sono moltiplicate e hanno guidato le scoperte divulgate dall’archeologo Michele Piccirillo sul “parco del Battesimo”. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione