Dona Adesso

Bergoglio incontra la vedova di un dissidente cubano

Oswaldo Payà morì in un incidente d’auto nel 2012 assieme a un altro oppositore del regime

Papa Francesco ha ricevuto ieri mattina in un’udienza privata i familiari di Osvaldo Payà, il dissidente cubano morto in un incidente automobilistico nel 2012. L’incontro si è tenuto ieri tra le 9.22 e le 9.45 nella residenza del Santo Padre, nella Casa Santa Marta.

All’udienza hanno preso parte Ofelia Acevedo, vedova di Payà, e i suoi figli, Oswaldo J. Payà, Rosa Maria Payà e Reynaldo Payà. Secondo quanto riferito da una nota pubblicata sulla pagina web del Movimiento Cristiano Liberaciòn, i temi trattati con il Santo Padre sono stati la morte di Oswaldo Payà e Harold Cepero, la repressione governativa contro i membri dell’opposizione democratica, la realtà dei cubani e la proposta di plebiscito, e la situazione della Chiesa a Cuba.

Al tempo stesso il Movimiento Cristiano Liberaciòn e la famiglia Payà “ringraziano profondamente il Santo Padre e la Santa Sede per la grazia concessa e per la comprensione ricevuta”.

Il Movimiento Cristiano Liberaciòn (MCL) fu fondato l’8 settembre 1988. Guidato da Oswaldo Payà, tra i suoi membri e simpatizzanti vi sono valorosi attivisti dei diritti umani di ogni angolo e territorio dell’isola cubana. La visione del movimento – spiegano sul web – è quella di un cambiamento pacifico e democratico e di rispetto della dignità umana.

Oswaldo Payà Sardiñas è stato un attivista cubano, leader dell’opposizione politica al governo dell’Avana. È stato anche il fondatore e il coordinatore del Progetto Varela. Il 22 luglio 2012, Oswaldo morì in un incidente d’auto. Nello stesso incidente morì anche l’oppositore Harlod Cepero.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione