Dona Adesso
Carlo Acutis chiusura iter beatificazione

Carlo Acutis chiusura iter beatificazione

Beatificazione di Carlo Acutis: 24 novembre chiusura fase diocesana

La celebrazione presso l’Arcivescovado di Milano sarà presieduta dal card. Scola, poi l’iter proseguirà in Vaticano

Si terrà giovedì 24 novembre, alle ore 17, nell’Arcivescovado di Milano (Piazza Fontana, 2), la cerimonia di chiusura del processo diocesano di beatificazione del giovane Servo di Dio Carlo Acutis. A presiedere la celebrazione, l’Arcivescovo di Milano, il card. Angelo Scola.

L’iter canonico per l’introduzione della causa – promossa dalla Diocesi di Milano – era stato approvato dalla Conferenza episcopale lombarda (Cel) il 15 febbraio 2013, in una sessione di lavoro svoltasi in Vaticano a margine della Visita ad Limina delle diocesi lombarde. Ora l’iter proseguirà presso la Santa Sede.

Al termine della cerimonia in Curia, al Cinema Apollo (Galleria de Cristoforis 3), sarà presentato il documentario su Carlo Acutis realizzato dall’Officina della Comunicazione in collaborazione con il Centro Televisivo Vaticano, insieme al volume Un genio dell’informatica in cielo (Libreria Editrice Vaticana). Saranno presenti il regista Matteo Ceccarelli e l’autore Nicola Gori.

Carlo Acutis se n’è andato all’età di 15 anni il 12 ottobre 2006 a causa di una leucemia fulminante. Offrì le sue sofferenze al Signore per il Papa e per la Chiesa. Quanti l’hanno conosciuto lo ricordano per la sua breve ma intensa testimonianza di fede, nell’aiuto al prossimo e nella devozione. Recitava il Rosario e frequentava la Messa ogni giorno, spesso faceva Adorazione eucaristica.

Un lascito di Carlo sono le Mostre itineranti che ha ideato e che possono essere richieste gratuitamente da parrocchie o diocesi, quella sui Miracoli Eucaristici, quella sulle Apparizioni di Angeli e Demoni e quella sulle Apparizioni della Madonna e sui Santuari mariani nel mondo.

***

L’indirizzo per richiedere le Mostre è info@carloacutis.com

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione