Dona Adesso

Foto: Mauro Berti

Assisi, domani benedizione Presepe con macerie di Norcia

La cerimonia domani 8 dicembre, alle 17, presso la Basilica Inferiore di San Francesco con l’accensione dell’albero

Si terrà domani 8 dicembre l’accensione e la benedizione dell’albero di Natale e del Presepe nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco d’Assisi dedicati ai terremotati del centro Italia. Per l’occasione verrà installato un presepe con le pietre della Chiesa Cattedrale di Norcia e della Basilica di San Benedetto crollata durante il terremoto del 30 ottobre.

Alle 17 si terrà la Santa Messa nella Basilica Inferiore di san Francesco presieduta dal prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, cardinale Peter Turkson. Al termine della celebrazione, alle 18, si terrà la cerimonia di accensione e benedizione aperta dal Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, durante la quale verranno consegnati dei doni alle famiglie più bisognose.

Tra i presenti all’evento natalizio oltre 60 cittadini di Norcia e i profughi ospitati dalla Caritas Diocesana di Assisi. Parteciperanno all’evento anche i Sindaci di Betlemme, Vera Baboun, di Norcia, Nicola Alemanno, di Assisi, Stefania Proietti, e l’arciprete della parrocchia della Concattedrale di Santa Maria in Norcia, don Marco Rufini.

“Sotto l’albero di natale vogliamo accendere le speranze di uomini e donne in cammino che desiderano superare i momenti di sofferenza legati alle calamità naturali e al dramma della guerra”, ha dichiarato il direttore della Sala Stampa della Basilica di San Francesco, padre Enzo Fortunato. “Daranno voce a questa speranza il sindaco e il parroco di Norcia e il primo cittadino di Betlemme”.

Per l’occasione ci sarà anche il coro di voci bianche, composto da 100 alunni delle classi IV e V dell’Istituto Comprensivo Assisi 1 diretto da Giulia Rinaldi e accompagnato al pianoforte da Emiliano Piermatti, che si esibirà con i tradizionali canti natalizi.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione