Dona Adesso

Prayer in Pakistan - © Aiuto alla Chiesa che Soffre

Asia Bibi, udienza il 13 ottobre. L’avvocato: “Necessarie preghiere di tutti i cristiani”

La donna cristiana, madre di 5 figli, accusata ingiustamente di blasfemia e condannata a morte, è in cella dal 2009

In Pakistan, è fissata per il 13 ottobre prossimo l’udienza della Corte Suprema per il caso di Asia Bibi, la donna cristiana, madre di 5 figli, ingiustamente accusata di blasfemia e per questo condannata a morte.

La condanna in primo grado è stata confermata dalla Corte di appello e ora il ricorso è giunto al Tribunale supremo, terzo e ultimo grado di giudizio che ha disposto la data per l’esame del caso.

Lo conferma a Fides il tutore della famiglia della donna, Joseph Nadeem, spiegando che “si tratta di un momento decisivo in cui si richiede la preghiera costante di tutti i cristiani e di tutti gli uomini di buona volontà, perché Asia sia liberata”.

Il caso sarà presentato dall’avvocato musulmano Saiful Malook, legale ufficiale di Asia Bibi, che “nutre buone speranze”, notando “i difetti in diritto e le prove che, nel merito, dimostrano l’innocenza della donna”.

Asia Bibi si trova attualmente nel carcere femminile di Multan, in una cella singola. La donna è stata arrestata a giugno del 2009 in base alla nota legge sulla blasfemia, dopo un litigio con alcune contadine, sue compagne di lavoro nei campi.

Dopo la condanna a morte nel 2009 e la conferma del verdetto di condanna nel 2014, il 22 luglio 2015 la Corte Suprema ha sospeso la pena e disposto il riesame del caso.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione