Dona Adesso

Arte, gioventù e bellezza per il “Narnia Festival Spring”

Il 19-20 marzo si terrà un’anticipazione della grande kermesse d’arte, musica e cultura in programma a Narni per il mese di luglio

Il Narnia Festival, che si svolge annualmente a Narni, splendida cittadina medievale nel cuore dell’Umbria, è una grande kermesse d’arte, musica e cultura che richiama artisti di fama internazionale e centinaia di giovani studenti da tutto il mondo.

Quest’anno il Festival, giunto alla sua quinta edizione, si terrà dal 10 al 31 luglio, ma già nel mese di marzo ci sarà un’importante anticipazione del ricco programma che animerà la rassegna estiva. Nell’ambito del Narnia Festival Spring, “assaggio” primaverile dei contenuti del Festival, si svolgeranno infatti, nelle giornate di sabato 19 e domenica 20 marzo, le Junior Masterclass organizzate dalla Narnia Arts Academy (www.narniaartsacademy.com), l’accademia diretta dalla pianista Cristiana Pegoraro che, specie dopo i recenti trionfi alla Carnegie Hall di New York, può definirsi una vera e propria ambasciatrice della cultura italiana all’estero.

È stata proprio la Pegoraro a volere fortemente le Junior Masterclass, nella convinzione che i programmi didattici del Festival debbano essere proposti non solo ai giovani, ma anche ai giovanissimi (dai 6 anni in su), per la loro plasmabilità intellettuale che li mette in grado di avvicinarsi con immediatezza e stupore al linguaggio dell’arte. “Visto il grande successo delle Junior Masterclass durante la precedente edizione del Festival, ho pensato di proporle anche nel mese di marzo – ha detto a Zenit Cristiana Pegoraro, direttore artistico del Narnia Festival –. Anche nell’edizione primaverile, così come avviene in estate, avremo insegnanti di fama internazionale, alcuni dei quali provengono direttamente dall’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia”.

Sotto la guida paziente ed esperta di insegnanti altamente qualificati, provenienti dalle più importanti scuole internazionali (tra cui The Juilliard School di New York, Mozarteum di Salisburgo, Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna, Accademia Nazionale di Santa Cecilia), i giovani studenti partecipanti ai corsi potranno sperimentare la gioia di approfondire lo studio del proprio strumento con lezioni singole e collettive, e di suonare con altri musicisti in un’allegra esperienza di musica d’insieme.

“L’idea nasce dalla consapevolezza che un’esperienza orchestrale è un elemento didattico di grande importanza nella formazione musicale – spiega Cristiana Pegoraro –. Il nostro intento è quello di insegnare alle nuove generazioni, in questo caso ai giovanissimi, la bellezza dell’aggregazione, della condivisione, della fiducia reciproca finalizzata a un obiettivo. Il tutto in maniera divertente e costruttiva”.

Le Junior Masterclass, realizzate in collaborazione con l’Associazione Note Blu di Grottaferrata (direttore artistico e docente, Lara Leccisi), vedranno la presenza del noto chitarrista Gianluca Persichetti, specialista di musica brasiliana, e culmineranno in un grande concerto intitolato Dalla Classica al Jazz che si terrà domenica 20 marzo, alle ore 18, presso il Teatro Comunale G. Manini di Narni. Di grande importanza il lavoro preparatorio che precederà il concerto. I maestri seguiranno gli allievi durante le lezioni individuali, ma non solo. Seguendo lo schema innovativo già proposto l’anno scorso al Narnia Festival – conclusosi con uno strepitoso Schiaccianoci di Tchaikowsky, con oltre settanta orchestrali fra studenti e professori diretti dal maestro Lorenzo Porzio –, anche nel concerto del 20 marzo tutti gli insegnanti suoneranno insieme ai loro giovani allievi.

“Suonare in orchestra, seduti allo stesso leggio accanto all’insegnante, costituisce per i ragazzi, specie così giovani, un’esperienza unica – sottolinea Cristiana Pegoraro –. Nelle nostre Masterclass l’insegnante non è una figura esterna che ascolta dal di fuori i risultati raggiunti dall’allievo durante il corso, ma un orchestrale che partecipa, insieme all’allievo, alla realizzazione del risultato finale, condividendo con lui le gioie del lavoro svolto insieme”.

A queste finalità corrisponde anche la scelta di far coincidere il concerto finale delle Junior Masterclass con la domenica delle Palme, un giorno importante di festa e di gioia per tutto il mondo cristiano: “Dare voce attraverso la musica ad un messaggio di pace, unione e fratellanza promosso da giovani artisti, è il modo migliore – commenta la Pegoraro – per celebrare un evento così mistico e importante per noi cristiani…”.

Durante il concerto del 20 marzo i giovani musicisti si cimenteranno in brani solistici, in formazioni cameristiche (duetti, trii, quartetti), fino ad arrivare all’esibizione orchestrale che raccoglierà tutti assieme insegnanti e maestri. La punta di diamante dell’intera kermesse sarà rappresentata dal giovane pianista e compositore Ludovico Mammola, di soli undici anni: un brillante studente di scuola media che suona e scrive musica fin dall’età di sette anni.

Allievo di Cristiana Pegoraro per il pianoforte, e di Lorenzo Porzio per la composizione, Ludovico si esibirà in un repertorio di musiche dal barocco al jazz e proporrà un suo brano, intitolata Britty, scritto e orchestrato appositamente per il concerto finale delle Junior Masterclass. Interpreti d’eccezione di questa “prima assoluta” saranno i musicisti Paolo Piomboni, violinista; Diego Romano, violoncellista; Antonio Sciancalepore, contrabbassista: tutti maestri dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con Cristiana Pegoraro al pianoforte.

“Ludovico è la testimonianza di come la musica e l’arte possano arricchire l’esperienza di crescita personale di un giovane, completandone l’educazione – ha concluso Cristiana Pegoraro –. Le famiglie dovrebbero comprendere l’importanza di aiutare i figli ad avvicinarsi all’arte, perché l’arte forgia il gusto e la sensibilità, apre il cuore e rende migliore ogni individuo. I giovani e l’arte sono l’arma vincente che abbiamo per migliorare la società. Investire sull’arte e sui giovani è quanto di meglio possiamo fare per guardare al futuro, ecco perché è stato detto che la bellezza salverà il mondo…”.

Il Narnia Festival dà appuntamento a tutti gli appassionati dal 10 al 31 luglio a Narni, con tante produzioni e programmi didattici che spazieranno dalla musica classica all’opera lirica, dal flamenco al tango, ai corsi di lingua e cultura italiana. Novità di quest’anno, la produzione di un musical direttamente dai palcoscenici di Broadway e il premio di poesia intitolato alla memoria di Giuseppe Jovine, una delle voci più alte della letteratura italiana del ‘900.

Tra i numerosi eventi da segnalare: la Messa Concerto Spatzenmesse di Mozart nella Cattedrale di Narni e il grande Concerto Sinfonico Corale al Duomo di Orvieto con la Filarmonica di Roma diretta dal maestro Lorenzo Porzio, solista d’eccezione la pianista Cristiana Pegoraro (24 luglio); un allestimento contemporaneo della Madama Butterfly di Puccini (25 luglio); Le nozze di Figaro di Mozart al Teatro Comunale di Narni dirette dal Maestro Lorenzo Porzio con l’Orchestra Virtuosi Brunenes della Repubblica Ceca (29 e 30 luglio). Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Maggiori informazioni possono essere reperite sul sito www.narniafestival.com

 

 

About Massimo Nardi

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione