Dona Adesso

Arrivati ieri, a Roma, i due sacerdoti vicentini rapiti in Camerun ad aprile

Ad accoglierli all’aeroporto di Ciampino, il vescovo di Vicenza mons. Beniamino Pizziol, che ha dichiarato: “Stanno bene. Dimagriti ma psicologicamente presenti”

Sono arrivati ieri a Roma i due preti fidei donum vicentini rapiti lo scorso aprile in Camerun e liberati lo scorso 1° giugno, don Giampaolo Marta e don Gianantonio Allegri. Arrivati in serata all’aeroporto militare di Ciampino, i due sacerdoti sono stati accolti da mons. Beniamino Pizziol, vescovo di Vicenza, insieme ad alcuni familiari, il ministro degli Esteri Mogherini e il ministro degli Interni Alfano.

Con mons. Pizziol – riferisce l’agenzia Sir – don Giampaolo e don Gianantonio hanno condiviso alcuni ricordi del periodo di prigionia: “Nel corso di questi due mesi siamo sempre stati assieme e ci hanno trattato discretamente”, hanno raccontato. “Stanno bene – ha dichiarato il presule – Li ho trovati dimagriti, ma vispi, psicologicamente presenti”.

Insieme ai due preti, era stata rapita anche una religiosa canadese: suor Gilberte, rimasta però in Camerun per alcuni accertamenti. Nel periodo di sequestro, i tre non hanno subito violenze, hanno mangiato abbastanza regolarmente, si sono sostenuti e hanno pregato insieme. Erano in mezzo alla foresta e avevano uno spazio in cui muoversi di circa 200 metri.

Domani i due religiosi vicentini saranno sentiti dalla Procura di Roma che ha aperto un fascicolo sul rapimento. Quindi faranno ritorno in diocesi nei prossimi giorni.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione