Dona Adesso

Papa, Bologna, piazza Maggiore, 1° ottobre 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

Angelus: “impegniamoci a leggere e meditare la Bibbia”

Il Pontefice ricorda anche la beatificazione del martire Titus Zeman

In occasione dell’Angelus di domenica 1° ottobre 2017, recitato in Piazza Maggiore a Bologna, papa Francesco ha esortato i fedeli ad impegnarsi “a leggere e meditare la Bibbia, specialmente il Vangelo”.

Durante l’Angelus il Pontefice ha ricordato infatti la festa di san Girolamo, festeggiato ieri, santo patrono degli archeologi, bibliotecari, traduttori e studiosi in genere, e inoltre la beatificazione del martire del comunismo, il sacerdote slovacco Titus Zeman ( 1915–1969). (pdm)

Riprendiamo di seguito il testo completo delle parole del Santo Padre.

***

Cari fratelli e sorelle,

ieri, a Bratislava (Slovacchia), è stato beatificato Titus Zeman, sacerdote salesiano. Egli si unisce alla lunga schiera dei martiri del XX secolo, perché morì nel 1969 dopo essere stato per lungo tempo in carcere a causa della sua fede e del suo servizio pastorale. La sua testimonianza ci sostenga nei momenti più difficili della vita e ci aiuti a riconoscere, anche nella prova, la presenza del Signore.

In questa domenica culmina la settimana dedicata in modo particolare alla Parola di Dio, in occasione della ricorrenza, ieri, della memoria di San Girolamo, grande maestro della Sacra Scrittura. Ringraziamo Dio per il dono della sua Parola e impegniamoci a leggere e meditare la Bibbia, specialmente il Vangelo.

Infine, ci uniamo spiritualmente ai fedeli convenuti presso il Santuario di Pompei per la tradizionale Supplica alla Madonna del Rosario, presieduta oggi dal Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, Cardinale Bassetti.

A tutti voi, bolognesi nativi e “adottivi”, auguro una buona domenica. Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione