Dona Adesso

Alleanza dei sindaci per la difesa dell’ambiente

Dopo la due giorni di riunione su iniziativa della Pontificia Accademia di Scienze Sociali, oltre 70 sindaci decidono di collaborare per uno “sviluppo sostenibile urbano”

Il prossimo 24 settembre, vigilia della prima visita di papa Francesco al Palazzo di vetro delle Nazioni Unite, a New York, sarà importante anche per un altro motivo. In quella data, infatti, nascerà ufficialmente l’alleanza urbana dei sindaci per lo sviluppo sostenibile. La decisione è giunta a margine del summit del 22 e 23 luglio svoltosi su iniziativa della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, per individuare risposte efficaci al degrado ambientale e ai fenomeni di sfruttamento dell’essere umano.

Una “Alleanza per lo sviluppo sostenibile urbano”, quella lanciata dagli oltre 70 sindaci partecipanti, che si pone undici obiettivi ben definiti. I firmatari del progetto si impegnano “a lavorare al successo degli obiettivi di sviluppo nelle città e nelle rispettive aree di responsabilità, e a cooperare con altri nel mondo per aiutare tutte le città a rispettare i nuovi obiettivi con successo”. Di qui la decisione di iniziare subito “a lavorare insieme” e a coalizzarsi in questa Alleanza che “sarà aperta, volontaria e partecipativa” per elaborare un piano di lavoro comune.

A prendere la parola, nella giornata di ieri, dopo l’introduzione dell’economista statunitense Jeffrey Sachs, i sindaci di Seoul (Corea del sud), Bogotá (Colombia), Gaborone (Botswana), Stoccolma (Svezia), Johannesburg (Sud Africa), San Francisco e New Orleans (Stati Uniti d’America) e Porto Alegre (Brasile). Vi è stato un coro unanime di preoccupazioni per la situazione socio-ambientale.

Spesso si è fatto riferimento, durante il dibattito, all’enciclica Laudato Si’. “Papa Francesco ha fatto appello ai sindaci affinché assumano la leadership nel superare le crescenti crisi di esclusione sociale, marginalizzazione, degrado climatico – afferma la dichiarazione – . Noi, sindaci e altri partecipanti al simposio, abbiamo ascoltato questo appello. Riconosciamo le terribili minacce alle future generazioni. Dobbiamo agire adesso”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione