Dona Adesso

Aleluya - Fernando De Haro

“Aleluya”: uno sguardo sulla Nigeria dove fiorisce il cristianesimo nonostante le persecuzioni

Presentato al Meeting di Rimini il reportage del giornalista Fernando De Haro sul paese africano, dove andare a Messa è una scelta di vita o di morte

Ieri, al Meeting di Rimini, i volti erano attenti e attoniti durante la presentazione e proiezione del reportage del giornalista Fernando De Haro dal titolo AleluyaLa Sala Neri Conai era gremita di gente. “La Nigeria è un mondo che viviamo poco – ha introdotto il giornalista Roberto Fontolan – De Haro ha indagato ed esplorato i grandi luoghi delle persecuzioni dei cristiani”.

Parte il video. Colpisce il canto di sottofondo Aleluya, da cui deriva il nome del reportage. Cominciano le emozionanti testimonianze: una donna, fuggita dalle persecuzioni dei musulmani e rimasta vedova, mostra la sua abitazione e spiega l’uccisone del marito. Avvilita, ma lieta in nome di Dio, unica salvezza. Un uomo, fuggito perché perseguitato mostra il suolo dove i suoi cari gli sono stati tolti. Affranto, ma pieno di gioia in Cristo.

“Più attacchi e persecuzioni ci sono e più fiorisce il cristianesimo – spiega il vescovo – se si pensa di eliminare il cristianesimo in Nigeria si sbaglia. È impossibile”. Come ha testimoniato uno dei molti ragazzi nel reportage: “Non accetto di rinnegare il nome di Gesù, poiché Egli dice ‘Se rifiuti il mio nome, io ti rifiuto davanti al Padre”.

La Nigeria è il paese più popoloso dell’Africa occidentale. La popolazione dal punto di vista religioso si divide tra cristiani e musulmani, anche se questi ultimi sono in maggioranza nel Nord. Nel Sud, invece, dopo le varie persecuzioni i cristiani hanno trovato rifugio e qui sembra esserci un miglior equilibrio. La Nigeria è una terra tormentata, ma lieta.

Tanti degli intervistati nel video affermano: “Per voi cristiani occidentali è possibile decidere liberamente la domenica se andare o meno a messa, per noi questa scelta è una questione di vita o di morte”.

Affermare la propria appartenenza cristiana può significare non solo la morte, ma anche la violenza, lo sfruttamento e il rapimento in massa.

È quello che fanno gli aderenti al gruppo di Boko Haram (che significa “no all’educazione occidentale”), i quali spesso provengono da situazioni di estrema povertà e di fatto servono un progetto politico che ha istituzionalizzato la sharia nel 1999, come ha ricordato il giornalista Gian Micalessin, intervenuto nel corso dell’incontro e specializzato in reportage di guerra.

Tanti sono gli esempi di pacifica convivenza che contrastano con questo uso politico della religione islamica. Nel video vengono mostrate le iniziative educative che i cristiani propongono nelle loro comunità insegnando ai loro figli l’amore per il prossimo, anche se nemico.

“Per me è stato un dono professionale e umano stare in mezzo alla gente semplice, che riesce a non aver paura di mostrare la propria fede a costo della vita stessa. Solo uno che dà la vita rompe la catena di male che vuole fare il terrorismo”, ha concluso De Haro.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione