Dona Adesso

Al San Carlo di Napoli, un concerto per invocare la pace

Anche lo storico Teatro partenopeo aderisce all’iniziativa di Papa Francesco per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo

Non solo la Chiesa e le associazioni religiose, ma anche il mondo dell’arte e della cultura hanno risposto all’appello di Papa Francesco a pregare per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo. Giunge oggi da Napoli che lo storico Teatro San Carlo dedicherà la serata del prossimo 8 settembre all’appello del Pontefice.

Sulle note di Schubert, Haydn e Mozart, eseguite dall’Orchestra stabile diretta dal maestro Tito Ceccherini, dal Lirico napoletano si innalzerà una preghiera laica per invocare una soluzione pacifica per tutte le terre ferite dalla guerra e dalla violenza. Il programma prevedel’Ouverture “nello stile italiano” in do maggiore Op.170 D591 diSchubert, che aprirà la serata. A seguire la Sinfonia Concertante n.105 in si bemolle maggiore per violino, violoncello, oboe, fagotto e orchestra di Haydn. Infine la Sinfonia n.35 in re maggiore k385 “Haffner” di Mozart. 

“Una musica – spiega la sovrintendente del San Carlo, Rossana Purchia – che vuole riaffermare di essere cultura dell’incontro e non del conflitto, del dialogo e non della prevaricazione. L’unica in grado di costruire la convivenza tra i popoli, l’unica strada per la pace”. Prima del concerto verrà letto a tutti gli artisti e i presenti il messaggio di Papa Francesco, la soprintendente illustrerà poi i contenuti dell’adesione del Teatro all’appello di pace. Il San Carlo, inoltre, in collaborazione con la Caritas diocesana ha attivato l’iniziativa “Aggiungi un pasto a tavola”, che prevede una donazione libera per “un pasto donato a chi il digiuno è costretto a farlo ogni giorno in strada”. La sera del concerto sarà predisposto un banchetto di raccolta fondi della Caritas.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione