Dona Adesso

Al Bambino Gesù, esposta la reliquia di Giovanni Paolo II

Da sabato 26 a domenica 27 aprile, nella Cappella dell’Ospedale verrà mostrata una piccola ampolla contenente il sangue di Wojtyla prelevato dai medici durante gli ultimi giorni di malattia

Una preziosa reliquia di Giovanni Paolo II verrà esposta al Bambino Gesù di Roma, da sabato 26 a domenica 27 aprile. Come informa un comunicato dell’Ospedale, si tratta di una piccola ampolla contenente il sangue del Santo polacco prelevato, negli ultimi giorni della sua malattia, dal personale medico addetto durante numerosi prelievi di sangue.

Questi prelievi furono messi a disposizione del Servizio Immunotrasfusionale del Bambino Gesù in vista di un’eventuale trasfusione, che però non venne mai effettuata. Il sangue di Giovanni Paolo II fu dunque conservato in quattro piccoli contenitori, due dei quali rimasero a disposizione del segretario particolare, il card. Stanislaw Dziwisz. Gli altri due vennero invece custoditi con devozione dal giorno della morte di Wojtyla presso la Cappella dell’Ospedale, di proprietà della Santa Sede. 

La reliquia del Santo – spiega il comunicato – verrà esposta a partire dal pomeriggio di sabato 26 aprile, in occasione della Santa Messa delle ore 17. Domenica 27, giorno della canonizzazione, l’esposizione avrà luogo dalle 8.30 fino alle 19. Insieme all’ampolla, nella cappella del Bambino Gesù sarà esposta anche la “papalina” di Giovanni XXIII, la stessa che il “Papa Buono” depose sulla testa di un piccolo paziente dell’Ospedale durante una delle sue visite.

I malati ricoverati nella struttura, insieme ai loro familiari, potranno “partecipare” alla cerimonia di canonizzazione, seguendo la diretta trasmessa dalle reti televisive pubbliche sugli schermi delle camere e delle sale d’attesa. Inoltre – conclude il comunicato – in vista del massiccio afflusso di fedeli nella capitale, da sabato 26 a lunedì 28 aprile, il Pronto Soccorso del Bambino Gesù sarà unità di crisi pediatrica di riferimento. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione