Dona Adesso

Aggressioni alle Sentinelle, “intervenga il Parlamento”

Lo chiede il Forum delle associazioni familiari, che invita i politici a riflettere sul fatto “che in ballo c’è la libertà di espressione di tutti”

“Gran brutta vicenda quella delle aggressioni alle Sentinelle in Piedi, troppo repentina e troppo estesa per essere frutto di casualità e non di concertazione e  volontà ben precise”, commenta Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari, a proposito dei fatti avvenuti in diverse città italiane sabato scorso.

Belletti ritiene si tratti di una “gran brutta vicenda” per “chiunque abbia a cuore la liberà di espressione”. Il presidente del Forum rileva quindi che “evidentemente quando si hanno poche ragioni per sostenere le proprie tesi si passa alle vie di fatto”.

L’auspicio è che la politica non resti passiva dinanzi a questi episodi. “Ora ci aspettiamo – spiega Belletti – di sentire dal Parlamento una corale e chiara condanna contro chi afferma esplicitamente che le Sentinelle non hanno il diritto di manifestare pacificamente. Vogliamo vedere l’impegno personale contro la violenza e la sopraffazione dei violenti: nome per nome. Vogliamo vedere nel Parlamento, nome per nome, chi crede nella democrazia, e vuole che anche chi non la pensa come lui possa esprimere liberamente il proprio parere, in modo non violento. Come fanno le Sentinelle, e come non fa chi insulta, bestemmia, provoca, a volte colpisce e malmena”.

E, sempre in Parlamento, il Forum vorrebbe chiedere “a chi nei mesi scorsi ha sostenuto e votato il disegno di legge Scalfarotto, se i fatti dei giorni scorsi sono sufficienti a dimostrare che quel progetto di legge legittima culturalmente e legalizza giuridicamente un atteggiamento liberticida e ideologico che introduce a sua volta una discriminazione al contrario”. A questi parlamentari, definiti “progressisti”, il Forum vorrebbe infine chiedere “se hanno ben chiaro che in ballo c’è la libertà di espressione di tutti, non solo di quella delle Sentinelle”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione