Dona Adesso

Adorazione fuori chiesa

Mentre ami concretamente il prossimo, tu vivi l’amore più grande e ti assicuro: “L’hai fatto a me”

Entro nella chiesa parrocchiale e, attratto dal profondo silenzio, mi inginocchio per l’adorazione eucaristica. Gesù è esposto in un solenne ostensorio messo sul punto più alto dell’altare.

Dico a Gesù: “In ginocchio ti adoro e mi annullo per te, come tu hai fatto per me”. A rovinare quel clima sacro, vedo entrare un povero. Si siede accanto ad una signora inginocchiata in profonda preghiera. Comincia a parlarle, a gesticolare e a stendere la mano… Il parroco ha severamente proibito a chiunque di chiedere o di fare elemosina in chiesa, per non disturbare il rapporto liturgico con Gesù.

Ma quel povero non ci sente  e continua a chiedere. Ha bisogno. Alla fine d’un estenuante dialogo…l’adoratrice si lascia disturbare, estrae il portafoglio per l’offerta meritandosi i rimbrotti minacciati da sempre.

Dopo matura riflessione, il parroco la chiama e le chiede scusa: “Forse con il tuo comportamento hai contravvenuto alle norme del silenzio liturgico, però hai fatto un’ottima adorazione.

Hai ascoltato Gesù sull’altare che ti insegna la vera adorazione: “Lasciami sull’altare e va prima a disturbarti per il prossimo che ha bisogno di te”.

Mi è gradita questa tua adorazione se la continui fuori chiesa: ti offro mille occasioni per strada, in famiglia, al lavoro per annullare il tuo io. Mentre ami concretamente il prossimo, tu vivi l’amore più grande e ti assicuro: “L’hai fatto a me”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione