Dona Adesso

Wikimedia Commons

Addio al card. Coppa. Francesco: “Solerte e fedele collaboratore di sei Papi”

Il porporato, già nunzio a Praga, è scomparso ieri pomeriggio a Roma a 90 anni. Partecipò ai lavori del Vaticano II. Domani le esequie in San Pietro

Si è spento ieri, presso la casa di cura Villa Luisa a Roma, il cardinale Giovanni Coppa. Il decesso è avvenuto nel tardo pomeriggio; il porporato aveva 90 anni. In un telegramma di cordoglio, il Papa esprime “profonda commozione e sincera ammirazione” per la dipartita di “uno stimato uomo di Chiesa che visse con fedeltà il suo lungo e fecondo sacerdozio ed episcopato a servizio del Vangelo e della Santa Sede”.  In particolare il Papa ricorda con gratitudine la “generosa e competente opera” del cardinale quale “solerte collaboratore di sei Papi miei predecessori, che gli affidarono delicati e importanti uffici”.

Piemontese di Alba, ordinato sacerdore nel 1949, Coppa comincia nel ’52 il suo servizio nella Santa Sede presso la Cancelleria Apostolica. Dal ’58 viene trasferito alla Segreteria di Stato e qualche anno dopo prende parte al Concilio Vaticano II nella sua veste di esperto latinista, che lo porta a collaborare alla stesura di documenti.

Consacrato vescovo da San Giovanni Paolo II il 6 gennaio 1980, dieci anni dopo il futuro cardinale è inviato come nunzio apostolico nell’allora Cecoslovacchia, quindi assume la carica di rappresentante pontificio presso la Repubblica Ceca e presso la Slovacchia nel 1993, rimanendo nunzio apostolico a Praga fino al 2001.

“Come assessore della Segreteria di Stato e delegato per le rappresentanze pontificie – ricorda Papa Francesco nel telegramma – ha testimoniato saggezza pastorale e premurosa attenzione alle necessità degli altri, andando incontro a tutti con bontà e mansuetudine”. Nel suo lavoro di nunzio a Praga, prosegue, “diede testimonianza di un impegno particolarmente intenso e fruttuoso per il bene spirituale di quella nazione”.

Creato poi cardinale da Benedetto XVI, il 24 novembre 2007, Coppa trascorre gli ultimi anni della sua vita in Vaticano. Nel testo, il Pontefice innalza “fervide preghiere di suffragio perché, per intercessione della Vergine Maria e di Sant’Ambrogio, di cui fu insigne studioso, il Signore accolga il compianto porporato nel gaudio e nella pace eterna”.

Le esequie del cardinale Coppa saranno celebrate domani, mercoledì 18 maggio, alle ore 15, nella Basilica di San Pietro dal cardinale decano, Angelo Sodano. Al termine della celebrazione, Papa Francesco presiederà il rito della Ultima Commendatio e della Valedictio.

Con il decesso del porporato, dell’ordine dei Diaconi, il Collegio cardinalizio è composto oggi da 214 cardinali, di cui 114 elettori e 100 non elettori.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione