Dona Adesso

Aleppo (Siria): Pacchi viveri per le famiglie cristiane più povere - Foto © Aiuto alla Chiesa che Soffre Italia (ACS)

ACS lancia una nuova campagna di raccolta fondi in favore dei cristiani siriani

Monteduro: “Continuiamo a combattere i virus della rassegnazione e dell’indifferenza” – Comunicato di Aiuto alla Chiesa che Soffre

«In Siria la guerra non è ancora finita, il terrorismo non è ancora stato sconfitto ed i nostri fratelli hanno più che mai bisogno del nostro aiuto!». Così afferma il direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre, Alessandro Monteduro, lanciando una nuova iniziativa della Fondazione a sostegno di due differenti progetti per i cristiani siriani.

Il primo avrà luogo ad Aleppo, dove anni di conflitto hanno lasciato ferite profonde e dolorose. Il futuro è per molti drammaticamente incerto, anche a causa della difficile situazione economica. ACS ha quindi risposto favorevolmente all’appello di monsignor Georges Abou Khazen, vicario apostolico di Aleppo, il quale ha chiesto aiuto per l’acquisto di pacchi viveri da distribuire alle famiglie cristiane più povere, le quali riceveranno anche un contributo finalizzato all’acquisto di gas e altri combustibili per alimentare i generatori elettrici. Con una donazione di 50 euro i benefattori potranno assicurare cibo ad una famiglia di quattro persone per una settimana, mentre con un contributo di 100 euro oltre agli aiuti alimentari, la stessa famiglia riceverà energia elettrica per due mesi.

Il secondo progetto ha invece luogo a Damasco, dove sono moltissimi i cristiani malati che, pur avendo bisogno di cure costanti, non possono acquistare medicine perché costosissime. Il patriarca greco-melchita Youssef Absi ha chiesto aiuto alla Fondazione per l’acquisto dei farmaci e l’assistenza medica a domicilio dei malati più gravi. «Senza voi benefattori non potremmo portare avanti la nostra missione» ha scritto ad ACS la responsabile del progetto, Suor Joseph Marie Chanaa, delle Suore della carità di Santa Giovanna Antida Thouret. Con una donazione di 150 euro si garantiscono medicine ad un malato grave per tre mesi, mentre con un contributo di 200 euro si assicurano farmaci e cure mediche per un mese.

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011 fino a fine 2018, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha donato circa 30 milioni e 400mila euro alle Chiese locali – di cui 8.615.940 euro lo scorso anno – ed in molte aree in cui è garantita la sicurezza ha già iniziato a sostenere un piano per la ricostruzione delle chiese e delle case cristiane.

«Nel recente messaggio pasquale Urbi et Orbi – ricorda Alessandro Monteduro – Papa Francesco, ha definito il popolo siriano “vittima di un perdurante conflitto che rischia di trovarci sempre più rassegnati e perfino indifferenti”. La comunità dei benefattori di ACS, a differenza di molti, non si è mai rassegnata e ha sempre combattuto il virus dell’indifferenza con la solidarietà concreta e generosa. Con questi due progetti vogliamo contribuire, ancora una volta, a mantenere accesa la luce della speranza nel Paese in cui i nostri fratelli furono chiamati per la prima volta cristiani».

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione