Dona Adesso

Aborto: dibattito acceso in tutto il mondo

In Cile e in Malawi, dove l’aborto è proibito in ogni circostanza, si discutono riforme più permissive. In Portogallo, introdotta una tassa a carico delle donne richiedenti

Dal Cile al Malawi, passando per il Portogallo. A varie latitudini, il tema dell’interruzione volontaria di gravidanza tiene banco tra gli scranni parlamentari e presso l’opinione pubblica di Paesi diversi per cultura e realtà sociali. È atteso per domani, 4 agosto, in Cile, il voto della Camera dei deputati relativo a una proposta normativa, presentata nel gennaio scorso, che intende depenalizzare l’aborto.

Insieme a Salvador, Honduras, Repubblica Dominicana e Nicaragua, il Cile è uno dei Paesi in cui l’aborto è completamente vietato. Divieto che è stato introdotto nel 1989 e che oggi la presidentessa Michelle Bachelet vorrebbe togliere nelle circostanze in cui l’utilizzo – afferma – può avere fini terapeutici: quando la gravidanza mette in pericolo la vita della madre, se il feto presenta malformazioni incompatibili con la vita e  se la madre è rimasta incinta a seguito di uno stupro.

L’ipotesi di una simile riforma ha tuttavia creato polemiche. In molti, in seno alla società cilena, sostengono che l’aborto non è mai terapeutico. Tra costoro, i membri della Conferenza episcopale. È in Rete un sito, curato dai vescovi, dall’eloquente titolo “Grazie alla vita” in cui sono raccolti tutti i documenti della Chiesa locale relativi a questo tema. In una forma più sintetica, è presente il documento finale della 109esima Assemblea plenaria, svoltasi nel mese di aprile, ed intitolato “Il diritto umano ad una vita degna per tutti”.

Il “rispetto” e la “considerazione” per ogni persona tentata dal ricorrere all’aborto: è ciò che nel testo sottolineano anzitutto i presuli. Non è però attraverso l’interruzione della gravidanza che si curano certe esperienze traumatiche e, dunque, spiegano i vescovi, l’aborto “non è mai terapeutico”. Nel testo si legge ancora “che l’aborto non è di per sé un’azione terapeutica per salvare la vita di una madre in pericolo, anche quando la morte della persona concepita è una possibilità prevista, non voluta, non ricercata”.

Piuttosto, un’azione a vantaggio delle donne rimaste incinte a seguito di violenze può essere svolta dallo Stato, mediante programmi di sostegno per accompagnare queste madri sofferenti. Per i vescovi, infatti, è preminente l’impegno a “lavorare per una società senza esclusioni”. “Esortiamo tutte le autorità – conclude il documento – a tutelare ogni essere umano, in particolare i più deboli ed indifesi, ed amare e rispettare alla stessa maniera madre e figlio”. 

Un dibattito simile a quello cileno si sta vivendo in Malawi. Nel Paese africano, dove l’aborto è illegale e chi lo pratica rischia fino a 14 anni di carcere, è stata presentata una proposta parlamentare che ricalca per molti aspetti quella del Cile, per consentire l’aborto in determinate circostanze: pericolo per la vita della madre, gravi malformazioni del feto, stupro o incesto.

Nel dibattito è intervenuta, attraverso il proprio segretario padre Henry Saindi, la Conferenza episcopale del Malawi (Cem). Padre Saindi ha ricordato che per la Chiesa “l’aborto è l’omicidio di un bambino non nato, dal momento che la vita di una persona inizia dal concepimento”, sottolineando che “il nascituro ha diritto di vivere e deve sempre essere protetto dalla società”. Anche i vescovi del Malawi, come i loro colleghi cileni, hanno posto l’accento sull’importanza di accompagnare e aiutare le donne che hanno subito violenze o incesti, nonché “ad accettare la loro situazione e il dono della vita che hanno ricevuto da Dio”.

Fino al 2007, anche il Portogallo aveva una legislazione restrittiva sul tema dell’aborto, consentito solo in caso di stupro o in caso di incompatibilità della gravidanza con la vita della donna e/o del bambino. Maggiori aperture furono poi introdotte dal Parlamento, a seguito di un ampio dibattito nel corso del quale gli elettori furono chiamati a votare ad un referendum che però, non raggiungendo il quorum, non fu vincolante.

Il dibattito si è riacceso lo scorso 22 luglio, quando il parlamento ha deciso di modificare la legge in senso nuovamente restrittivo. È stata introdotta una tassa che le richiedenti dovranno pagare per poter accedere al servizio, nonché uno o più colloqui con uno psicologo o un assistente sociale. La riforma affonda le radici nell’iniziativa popolare “Dereito a Nascer” (Diritto a Nascere), petizione firmata da quasi 50 mila cittadini portoghesi per invocare maggiori tutele nei confronti dei nascituri. Il parlamento ha in parte interpretato le istanze maturate nella società civile.

About Federico Cenci

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione