Dona Adesso
Everyday family

Pixabay CC0

A Trento per ribadire che la famiglia è “una grande risorsa”

Iniziata venerdì la conferenza “Famiglie forti, comunità forti” organizzata dall’Associazione Italiana Consulenti di Coppia e Relazioni Familiari con il Forum delle associazioni familiari, il Centro Studi Famiglia e l’Agenzia per la Famiglia

“Vogliamo uscire dall’idea della famiglia come grande malata, e parlarne in termini di grande risorsa”. Così Rita Roberto, presidente dell’Associazione Italiana Consulenti di Coppia e Relazioni Familiari (Iccfr) aprendo venerdì a Trento, la prima giornata della conferenza su “Famiglie forti, comunità forti”, organizzata da Iccfr in collaborazione con il Forum delle associazioni familiari, il Centro Studi Famiglia (Cisf) e l’Agenzia per la Famiglia.
In una sala gremita di professionisti e responsabili di associazioni provenienti da diverse parti del Paese, si è confermata la certezza del valore sociale e generativo della famiglia. La famiglia non è un articolo in esaurimento, bensì un motore importante di tutta la società.
“Abbiamo scelto Trento come sede, perché in Trentino si è realizzato un modello dove lo sviluppo della comunità cresce di pari passo con lo sviluppo delle politiche familiari”, ha spiegato Francesco Belletti, presidente del Cisf.
Maria Grazia Colombo, vicepresidente del Forum, ha portato il saluto del presidente del Forum, Gigi De Palo, ed ha aggiunto: “La sfida sulla famiglia in termini di risorsa e di generatività è grande, occorre lavorare in rete”.
“È un confronto importante che segna una discontinuità con il passato. Occorre uscire dalla logica di famiglia intesa come aggregato di persone e considerare la famiglia – come ha ben ribadito il prof. Donati- come luogo relazionale privilegiato dal quale ha origine il benessere e lo sviluppo dell’individuo”, ha detto Emma Ciccarelli, altro vice presidente del Forum .
Maria Grazia Colombo ha poi concluso: “Il Forum si fa voce delle istanze che stanno emergendo e della sofferenza che hanno le famiglie quando non si sentono ascoltate. Porteremo le attese che emergono presso le istituzioni perché diano risposte concrete”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione