Dona Adesso

Menorah, Arco di Tito / Wikimedia Commons - Gunnar Bach Pedersen, Public Domain

A Roma, fino al 23 luglio, una mostra sulla Menorah

Si tratta del primo progetto comune presentato dai Musei Vaticani e dal Museo Ebraico di Roma

E’ il primo progetto comune presentato dalle due istituzioni romane dei Musei Vaticani e del Museo Ebraico di Roma. Infatti, dal 16 maggio, parallelamente nel “Braccio di Carlo Magno” e al Museo Ebraico, è possibile visitare la mostra “Menorah. Culto, storia e vita”.

La storia della Menorah — il candelabro a sette bracci, simbolo d’identità per il popolo ebraico — è raccontata attraverso un percorso ricco di circa 150 opere d’arte: sculture, dipinti, manoscritti e illustrazioni.

Il direttore della mostra, lo storico dell’arte Francesco Leone, e Arnold Nesselrath, delegato per i dipartimenti scientifici e laboratori di restauro dei Musei Vaticani, si sono prestati alle domande di Radio Vaticana in lingua italiana.

Il professor Nesselrath ha sottolineato che la mostra vuole raccontare “la storia della menorah”, partendo dal “bassorilievo che mostra l’arrivo della menorah a Roma”. 

È richiamata anche l’attenzione sulla “pietra Maddalena”: “Abbiamo la pietra Maddalena che è stato trovata solo nel 2009. Questa è la prima volta che viene da Israele, grazie alla concessione dello stato di Israele. Si tratta di un rilievo della menorah fatto quando era ancora nel Tempio di Gerusalemme. Ritraendo, naturalmente, l’imperatore Tito. C’è una rappresentazione cristiana della menorah che viene dal santuario della Mentorella, nel Lazio”. “Il cristianesimo, ha ricordato, attraverso il candelabro a sette bracci, le sue radici ebraiche”.

Ha spiegato come “il simbolo ebraico diventa anche, a tutti gli effetti, un punto di riferimento cristiano” e che è “un elemento importante per tutta la mostra”: “In un momento in cui le guerre sono giustificate dalla religione, vogliamo mostrare come le religioni non combattono, ma invece parlano. Un dialogo che può sollevare qualcosa di bello e costruttivo. Per me è stata una grande emozione vedere il poster con la menorah accanto alla facciata di San Pietro. Penso che questo è un simbolo molto forte. Per noi è molto importante il dialogo, la convivenza. Nonostante i diversi punti di vista, siamo davvero in grado di dire che possiamo costruire qualcosa insieme, anche se abbiamo idee diverse”.

Francesco Leone ha detto che “la menorah è il mitico e leggendario candelabro d’oro a sette braccia che il Signore sul monte Sinai, comandò a Mosè di fondere in oro puro: l’originale doveva pesare 35 kg. La menorah ha una storia millenaria, leggendaria, una sorta di Santo Graal. E ‘stata messa nel tempio di Salomone nel X secolo a.C.; fu saccheggiata dai Babilonesi e ricostruito dal popolo di Israele di ritorno dall’esilio in Babilonia. La menorah è stata poi condotta a Roma dal generale Tito nel 71 d.C. dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme che era avvenuta l’anno precedente. Ma a Roma il candelabro scompare definitivamente saccheggiata forse dai Visigoti di Alarico, forse dai Vandali di Genserico,  forse termina a Costantinopoli. Da lì, dal momento in cui appare la menorah e scompare, sono nate a Roma una serie di leggende, miti, storie incredibili che continuano fino al XX secolo. Per questo Roma era ed è il luogo ideale per questa mostra.” (gc)

About Constance Roques

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione