Dona Adesso

“A capo coperto. Storie di donne e di veli”

Maria Giuseppina Muzzarelli racconta in un libro le donne velate nella storia dell’occidente

Sarà presente al Festival Francescano la professoressa Maria Giuseppina Muzzarelli, autrice del libro “A capo coperto. Storie di donne e di veli”; edito da Il Mulino, un viaggio interessante sul costume di coprire il capo nell’antichità cristiana, con molti riferimenti all’attualità e alle differenze col mondo musulmano.

La professoressa Muzzarelli sarà ospite di Festival Francescano la mattina del 24 settembre, a Bologna, all’interno del convegno: “Tra perdono e solidarietà. Le origini dei Monti di Pietà e la predicazione francescana”.

Mentre il libro sarà presentato Lunedì 26 settembre alle 18 presso la Libreria Coop Ambasciatori di Bologna – via Orefici, 19).

Ha scritto la Muzzarelli: Parliamo di donne velate e subito pensiamo allo hijab o agli altri tipi di copertura del capo, o del volto, o dell’intero corpo della donna che sono in uso nel mondo islamico e che, non senza originare polemiche, molte islamiche indossano anche nei paesi occidentali.

Ma la prescrizione alle donne di coprirsi il capo appartiene in pieno anche alla storia dell’Occidente.

Proviamo allora a riscoprire un costume millenario, documentato dalla Bibbia e dalle statue dell’antica Grecia, dai Padri della Chiesa, dalle normative medievali, da innumerevoli testimonianze artistiche e letterarie.

Il capo coperto era prerogativa delle donne sposate, era la divisa delle religiose, così come ogni vedova era tenuta a portare il velo del lutto. Segno di verecondia e modestia, il velo, leggero quanto simbolicamente carico, era però anche un accessorio alla moda, il complemento fondamentale nello sfoggio di lusso ed eleganza, come ancora oggi può essere il foulard griffato”.

Maria Giuseppina Muzzarelli insegna Storia medievale, Storia delle città e Storia del costume e della moda nell’Università di Bologna. Con il Mulino ha pubblicato «Guardaroba medievale. Vesti e società dal XIII al XVI secolo» (nuova ed. 2008), «Il denaro e la salvezza» (2001), «Pescatori di uomini (2005)», «Un’italiana alla corte di Francia. Christine de Pizan, intellettuale e donna» (2007) e «Breve storia della moda in Italia» (2011).

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione