Dona Adesso

Francesco saluta 9 migranti ospiti della diocesi di Ascoli

I pellegrini sono giunti in San Pietro accompagnati da monsignor D’Ercole, che li ospita nella propria abitazione, e dalla sezione locale dell’Unitalsi

Questa mattina, in occasione dell’udienza generale del mercoledì di papa Francesco, nove migranti provenienti da Ascoli Piceno, ospiti presso l’abitazione del vescovo della diocesi marchigiana, monsignor Giovanni D’Ercole, in collaborazione con la sottosezione dell’Unitalsi di Ascoli Piceno, sono stati salutati dal Pontefice.

I nove pellegrini sono stati accompagnati da monsignor D’Ercole, da Massimo Mazzoni e Luciano Gabrielli, rispettivamente presidente della sottosezione Unitalsi di Ascoli e presidente dell’Unitalsi di Ascoli, e da Anna Saveria Capriotti, delegato per l’accoglienza migranti della Diocesi di Ascoli Piceno.

Dal 2011 l’Unitalsi di Ascoli Piceno gestisce la Casa di Accoglienza Madre Maria, una struttura della Diocesi che offre alloggio e assistenza a 25 migranti. Inoltre, altre 8 persone sono ospiti del Vescovo presso la casa del Clero della Diocesi e vengono comunque assistite dai volontari Unitalsi.

“Da diversi anni ormai – dichiara Massimo Mazzoni – la nostra sottosezione offre assistenza qualificata ai migranti che raggiungono l’Italia e hanno bisogno di essere aiutati in tutto e per tutto e quindi oltre alla nostra professionalità abbiamo voluto dare un segno speciale di solidarietà e accoglienza con la semplicità e l’umanità dei nostri volontari.

“Questo incontro con Papa Francesco – aggiunge Mazzoni – sarà un momento davvero emozionante che darà nuova carica in questa missione di accoglienza che è ormai epocale. Ringraziamo il Pontefice per l’attenzione che in questo ultimo periodo sta rivolgendo al grande problema dei profughi e dei migranti, le sue parole sono per noi uno stimolo a proseguire e migliorare sempre il nostro impegno”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione