Dona Adesso

26 anni della Croce dei giovani

I giovani scoprono la sua forza “provocatrice”

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 23 aprile 2010 (ZENIT.org).- Da quando, 26 anni fa, Giovanni Paolo II ha consegnato ai giovani una Croce perché la portassero per le vie del mondo, la sua forza “provocatrice” è stata riscoperta, ha constatato questo giovedì il Vescovo Josef Clemens, segretario del Pontificio Consiglio per i Laici.

Il presule tedesco ha celebrato nel pomeriggio questo anniversario al Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo, creato da Papa Karol Wojtyła nel 1983 accanto a Piazza San Pietro e che, tra le altre cose, accoglie la Croce quando non peregrina per il mondo.

“Le recenti controversie sulla presenza del crocifisso negli edifici pubblici, nelle scuole e negli ospedali, ci hanno fatto capire la capacità ‘provocatrice’ della Croce di Cristo”, ha affermato monsignor Clemens nell’omelia.

A questa forza di provocazione per le nuove generazioni fa riferimento anche il video “Il potere della Croce”, realizzato dai giovani del Centro in collaborazione con l’agenzia H2onews (www.h2onews.org), presentato al termine della Messa.

La Croce, ha spiegato monsignor Clemens, “diventa sempre di più un ‘segno di contraddizione’, un ‘interrogativo’ che richiede delle risposte da parte di ‘diaconi della parola’, e, ai nostri giorni, richiede ancora di più risposte da ‘diaconi di vita cristiana’”.

Il direttore del Centro San Lorenzo, padre Eric Jacquinet, che è anche responsabile della sezione giovani del dicastero per i Laici, ha spiegato che “è importante presentare il messaggio della Croce ai giovani che vengono qui perché ne vedano l’attualità. I giovani conoscono la sofferenza, i fallimenti, il dubbio, il lutto: hanno bisogno di trovare la consolazione, la forza, la speranza”.

Il documentario, infatti, incoraggia i giovani alla scoperta di questo grande dono all’umanità.

Attraverso le testimonianze di diciassette protagonisti, il video racconta non solo la storia della croce delle GMG, ma soprattutto la potenza che si manifesta in essa e l’amore per l’umanità che ha portato Cristo ad accettare la morte. La perdita di un amico, la mancanza del padre in una famiglia, la perdita di un bambino non nato: sono storie vere che i giovani testimoni hanno affrontato nella loro vita. Solo in Cristo e nella sua Croce hanno potuto trovare il vero perdono, la riconciliazione, la pace e la gioia.

“Quando i giovani vengono a venerare la croce con grande fede ne rimangono toccati – ha concluso padre Eric, incaricato anche del Pontificio Consiglio per i Laici per la preparazione della Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid 2011-. Per alcuni la venerazione della croce rappresenta il momento più importante del pellegrinaggio a Roma”.

Il filmato – disponibile in italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco e polacco – è concepito come strumento di evangelizzazione per comunicare ai giovani che frequentano il Centro il mistero della Croce. Il documentario sarà usato per l’accoglienza dei gruppi e delle persone a San Lorenzo in piscibus e accompagnerà la croce della GMG durante i suoi viaggi nelle Diocesi di tutto il mondo.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione